ANSA- Diventa operativo all’ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia il nuovo centro specialistico Polo Up, che si occuperà della presa in cura di persone con sindrome di Down.

Frutto di un lavoro multidisciplinare avviato tre mesi fa, sarà coordinato dal dottor Paolo Prontera, responsabile del servizio di genetica medica e malattie rare.
    Polo Up è stato presentato nell’edificio del Creo in occasione della Giornata mondiale delle persone affette da sindrome di Down, 38mila a livello nazionale. In Umbria i dati dicono che sono circa 400 le persone con Trisomia 21, con una stima di circa 4-5 nati all’anno con sindrome di Down.
    Il progetto prevede un’organizzazione sanitaria strutturata, dalla diagnosi alla presa in cura che sarà definita da medici referenti per fasce di età.
    Fondamentale, è stato sottolineato dai promotori, sarà la prima visita, cui seguiranno controlli e trattamenti. “Unica porta di accesso al Polo Up saranno una mail dedicata (poloup@ospedale.perugia.it) e un numero (075-5783555) attivo il mercoledì dalle 10 alle 13”, ha spiegato Prontera.
    Il centro ha preso forma grazie anche all’impegno di alcune associazioni di volontariato: Associazione italiana persone Down Ets-Aps Perugia, Uno in più Associazione sindrome Down Corciano Ets, Federazione italiana per il superamento dell’handicap Umbria Ets, rappresentate da Michele Lazzari. Con lui hanno presentato la novità il direttore generale dell’azienda ospedaliera Giuseppe De Filippis, il vice sindaco Gianluca Tuteri, la vice presidente dell’Assemblea legislativa Paola Fioroni, presidente dell’Osservatorio regionale per la condizione delle persone con disabilità.